Tag

autunno

In ASTROLOGIA

2022: Seconda Parte dell’Anno. Sole in Bilancia. Astrologia cattolica.

(Per la trattazione video clicca qui) – La parte finale del 2022, relativamente alla stagione autunnale e invernale, vede all’orizzonte di Roma sorgere il segno del Leone, nel confine di Saturno. Proprio Saturno oltre ad essere angolare, in Settima Casa, e nel suo domicilio, comunica con un aspetto di opposizione all’ascendente, governa inoltre la VII casa, ed è candidabile a Signore della Seconda Parte dell’Anno.

L’ingresso del Sole in Bilancia sancisce le colorature della stagione autunnale e invernale 2022, poiché a Marzo quando il Sole entrò nel grado zero dell’Ariete l’ascendente si trovava in un segno bicorporeo, quindi l’ingresso del Sole in Ariete ha rappresentato le qualità della stagione primaverile ed estiva 2022, mentre quello del Sole in Bilancia rappresenterà le relative colorature delle ultime due stagioni dell’anno.

Nella seconda parte dell’anno è dunque un malefico controsetta ad essere pianeta più forte per la sua posizione di accidentalità ed essenzialità. Essendo Saturno un pianeta diurno, si trova nell’ingresso del Sole in Bilancia non a proprio agio. Anche perché nel suo moto retrogrado, intende rappresentarci – come riporta anche Bonatti – situazioni di instabilità e di incertezza, di fronte a tutte quelle cose che ci appaiono – o verso cui abbiamo – una certa fiducia. Saturno governa la VII casa e la VI casa, quindi l’instabilità e l’incertezza saranno legati in particolare alle tematiche rappresentate da questi due luoghi secondo l’astrologia mondiale, i cui significati sintetici sono:

la settima casa significa i rapporti con le altre potenze, gli alleati, gli accordi politici, la politica estera, gli scenari bellicosi e quindi anche la guerra;  la sesta casa significa la salute pubblica, le epidemie, e l’alimentazione.

Saturno ha anche significati naturali, nelle classi sociali per esempio intende rappresentare quella dei contadini, quindi degli agricoltori e dell’industria agroalimentare in genere, che dunque pare essere il settore più emergente dall’ingresso del Sole in Bilancia. L’agricoltura e le industrie associate all’agroalimentare, con anche le risorse del collettivo in generale, possono essere sottoposte a una fase di depauperazione, di diminuzione, di un venir meno delle risorse stesse essendo Saturno governatore anche della VI casa, ed essendo contrario alla setta notturna, e retrogrado. Proprio il fatto che sia in domicilio, può indicarci come le nostre sicurezze e certezze collettive, siano in qualche modo depauperate o messe in discussione da scenari tensivi e problematici.

Rimanendo negli scenari generali di questo ingresso, altro punto importante da osservare è quello della Luna, si trova nel primo luogo celeste, nello stesso segno dell’Ascendente, è una Luna che corre a vuoto, a indicarci ancora una volta il senso di smarrimento verso il futuro, ovvero un senso di incertezza generale. Poiché è nel segno del Leone, il suo dispositore è il Sole, la Luna occupa il confine di Marte e il decano di Marte, il Sole esercita un’azione di combustione a Mercurio: è evidente che proprio la questione del bilanciamento delle risorse sia evocato anche dalla Luna, che identifica un senso di incertezza verso le sfide del futuro, o un senso di smarrimento per una serie di eventi perniciosi che possono evidenziarsi nel corso delle prossime stagioni in arrivo, quella autunnale e quella invernale 2022.

Il decano dell’Ascendente è della natura di Giove, ma il confine è quello di Saturno. Apprendiamo dalla descrizione dei decani l’immagine che sorge con questo Ascendente: secondo l’Astrolabium è un volto di risse, litigi e di ignoranza, nonché della necessità della guerra e delle spade; secondo Varahamihira il secondo drekkana del Leone ha la forma di un uomo armato; secondo Picatrix è un’immagine di guerra e di spade sguainate; secondo Agrippa ascende l’immagine di mani levate insieme ad un uomo con una corona sulla testa e un altro uomo pieno di ira e minaccioso, con la spada nuda nella destra e uno scudo nella sinistra. Sottolineo in particolare le immagini bellicose di questo ascendente, anche perché nell’ingresso del Sole in Ariete, come avevamo affrontato a inizio anno 2022, emergeva una configurazione importante legata all’anno in corso, quella di Marte in congiunzione applicativa a Saturno, nel segno dell’Acquario, con una Venere in congiunzione separativa da Marte e in congiunzione applicativa da Saturno, in Acquario, a indicare proprio l’assediamento di Venere da una parte, ma anche l’azione di Marte-Saturno, in uno scenario di bellicosità mossa da impulsi venusiani, che sono impulsi mossi dai desideri di territorialità e di possessività, che in sede di interpretazione sul collettivo non può che indicarci proprio l’azione belligerante mossa dal desiderio di predominio e di affermazione territoriale. Inoltre gli scenari che viviamo sono quelli bellicosi specialmente per il cuore dell’Europa che è vittima di uno scenario di guerra preoccupante per tutta l’Europa stessa. L’ingresso del Sole in Bilancia, insomma, non depone a favore per l’idea di una fine di certe conflittualità in corso, anzi potremmo aumentare le tensioni e coinvolgere anche stati in apparenza non coinvolti direttamente nel conflitto, in una stagione autunnale e invernale che può essere abbastanza pericolosa per l’innescamento di un’escalation di razioni potenzialmente incontrollabili. Nell’ingresso del Sole in Bilancia, infatti, Marte significatore della bellicosità è non solo in un luogo avanzante e quindi acquisisce una certa forza di accidentalità, ma comunica anche trigono applicativo a Saturno, ed è poi in un segno umano: sempre Bonatti ci ricorda che negli scenari di guerra Marte nei segni umani può amplificare i conflitti in corso e le tensioni tra i popoli.

I benefici anche in questa occasione non ci vengono molto in soccorso. Intanto Venere è invisibile, ed è il benefico che rispetta la setta notturna, inoltre è in caduta, quindi in una debilità essenziale, sta inoltre andando verso il suo definitivo tramonto eliaco che si realizzerà il 6 ottobre 2022. Questo rende Venere incapace di offrire i suoi benefici. Possiamo appellarci all’altro benefico che tuttavia è contrario alla setta notturna, è inoltre retrogrado, oltre ad essere in un luogo cadente, tuttavia è almeno visibile! Un piccolo aiuto può venirci da Giove, anche se non è propriamente il benefico in setta ne in condizioni tali da poter fare miracoli.

Per quanto riguarda la situazione politica, il significatore accidentale del potere ufficiale, per intenderci quello che è nelle mani del Governo e della Maggioranza, è rappresentato da Venere perché governa la decima casa; e dalla Luna perché è almuten della Decima casa. Venere è in esilio, invisibile, e va verso il suo tramonto eliaco a inizio ottobre; la Luna corre a vuoto, va verso il nulla, ovvero è in una condizione di una azione inefficace; dunque è molto probabile che nella seconda parte del 2022, dal 23 settembre al 20 marzo 2023, quindi durante le prossime due stagioni autunnale e invernale, il potere attualmente in corso possa venire meno, potrebbe in un certo senso crollare il consenso generale, o venir meno la capacità di governare. Questo in realtà era stato indicato anche per l’ingresso del Sole in Ariete dove avevamo ragionato sul valore dell’ascendente del Sole in Ariete, in Vergine quindi in segno bicorporeo, e sul fatto che Mercurio governando anche la X casa dell’ingresso del Sole in Ariete, si presentava in esilio e caduta, a indicare proprio cambio di potere, o di poltrone, o cambiamenti negli equilibri della maggioranza politica, o negli equilibri del governo, e sappiamo anche da molti autori antichi che i segni bicorporei nell’ingresso del Sole in Ariete possono indicare, se certe altre condizioni sono rispettate, il cambio del potere esecutivo, delle alleanze, del governo, quindi l’instabilità del potere e un cambiamento negli equilibri stessi del potere esecutivo. Ciò si è evidenziato già nella prima parte dell’anno, in particolare nella stagione estiva, quindi pare l’autunno e l’inverno, specialmente l’autunno, indicarci un ulteriore scenario di instabilità, che se non risolto può anche portare alla crisi di governo, cosa che può anche verificarsi proprio all’approssimarsi dell’ingresso del Sole in Bilancia o immediatamente dopo. Se la crisi sarà risolta con un governo tecnico, o con una nuova organizzazione dell’attuale governo, o con una nuova riorganizzazione delle forze di maggioranza, questo è impossibile stabilirlo, essendo tuttavia Venere in un segno bicorporeo, è doveroso sottolineare che potremmo assistere anche a situazioni di estrema ambiguità, dove le cose sembrano fatte in un modo per poi tradursi improvvisamente in situazioni diverse e inaspettate. Se ci saranno nuove elezioni l’ingresso del Sole in Bilancia non depone a favore nell’immagine l’istituzione di un governo solido o equilibrato, o comunque chi acquisirà il potere dovrà vedersela con situazioni emergenti di elevata gravità e responsabilità.

Bonatti ci indica come all’interno di una carta mondana possiamo distinguere la forza dei malefici da quella dei benefici, per esempio i malefici visibili amplificano la loro forza specialmente quando risultano essere nell’emisfero visibile, quindi i benefici amplificano la loro forza quando sono sopra l’emisfero visibile, allo stesso modo la forza dei malefici e dei benefici è aumentata quando occupano luoghi angolari e luoghi succedenti, mentre i malefici sono attenuati come anche i benefici quando sono in luoghi cadenti. Mentre la condizione di essenzialità ci istruisce anche sulla modalità attraverso cui un astro benefico o malefica modulerà l’azione della sua sfera d’influenza!

Nel caso dell’ingresso del Sole in Bilancia osserviamo questa condizione dei malefici e dei benefici, dove il punteggio + aumenta la sua forza e il valore – rende la sua disposizione sfavorevole:

ANG (ANGOLARE) SUC (SUCCEDENTE) CAD (CADENTE) V(VISIBILE) I (INVISIBILE) OC (OCCIDENTALE AL SOLE) OR (ORIENTALE AL SOLE)

Marte secondo le indicazioni di Albiruni, sarà in un grado che diminuisce la sua fortuna. Inoltre l’immagine dell’ingresso del Sole in Bilancia è un’immagine dove il Temperamento collerico risulta essere prevalente.

Segnalo SIRIO che si posiziona proprio sull’Ascendente dell’ingresso, e HAMAL che è la stella del culmine superiore.

Sirio è una stella estremamente luminosa, era considerata in antichità la stella che portava l’aridità e il calore soffocante, perché relazionata in tempi molto antichi al cuore dell’estate. Per l’Anonimo del 379 Sirio è una stella il cui temperamento è come quello di Marte, e soprattutto in una condizione notturna quando sorge all’ascendente produce nelle geniture chi è votato al comando, chi è energico, valente, attivo, duro, tirannico e spinto alla ricerca della gloria. Poiché qui siamo in una carta mondana, Sirio possiamo leggerla come stella che sorge all’Ascendente come una coloratura marziale, che sottolinea proprio le questioni bellicose, belligeranti, o gli animi bellicosi e belligeranti, infondendo nel collettivo una sorta di atmosfera sul piede di guerra, con tutto ciò che ne consegue.

Hamal, ovvero la stella che è sopra la testa dell’ariete celeste, culminerà nel mediocielo dell’ingresso del Sole in Bilancia. Per Tolomeo è una stella dotato di natura Marte Saturno. Anche in questo caso, come per Sirio, sono sottolineate le colorature marziali che verrebbero indicate dall’ingresso del Sole in Bilancia, non solo dalla qualità dell’immagine del decano dell’Ascendente che abbiamo visto in precedenza, ma sicuramente anche da questa stella culminante che per esempio Robson definisce come una luce che favorisce violenza, brutalità, crudeltà e crimini. A livello mondano, anche Hamal come Sirio sottolineano e confermano la temperatura collerica dell’immagine celeste del Sole in Bilancia, questo non fa che indicarci una seconda parte del 2022 infuocata, tendente quindi alla volontà di imporre e di comandare, di disfare o alterare, dove gli animi tenderanno a essere spinti a raggiungere a ogni costo i propri tornaconti o i propri obiettivi personali, a discapito anche degli altri, sul piano collettivo da una parte il temperamento collerico favorirebbe al comando e alla leadership, ma abbiamo visto come i significatori del potere sono debilitati e in condizioni di precarietà, il che fa presupporre a questo interprete che il potere e il comando saranno disorganizzati, e probabilmente ci saranno situazioni da affrontare anche di una certa importanza e di un certo impatto, con colpi di scena, o decisioni che corrompono alleanze ed equilibri in apparenza consoliati, o ancora il dover affrontare forze bellicose o situazioni di emergenza con i nervi saldi e con la capacità di fare scelte anche difficili o impopolari, ma per un bene comune.

/ 5
Grazie per aver votato!